Il Sacro Speco

"Soglia del Paradiso" lo definì il Petrarca; ed ancora oggi la visita al Sacro Speco suscita al visitatore intense emozioni. Il Santuario è il secondo nato in Italia dopo il Monastero di Santa Scolastica. E' il simbolo vivente della spiritualità monastica, la culla della luce che fu nelle opere e nella regola di Benedetto, quella luce che ancora oggi risplende nella serenità e nell'incanto del paesaggio e del monastero stesso. E' in questo contesto meraviglioso che ha visto i natali l'Associazione del Patrocinio di San Benedetto.


Il Sacro Speco, splendida opera architettonica costruita su uno spaccato di roccia viva, è costituito da due Chiese sovrapposte e da diverse cappelle finemente affrescate, collegate da punti irregolari, volte, scalinate suggestive, che ben si armonizzano con l'ambiente circostante.

 

 

Particolarmente degni di nota sono:

 

Nella Chiesa superiore: gli affreschi di scuola senese (sec. XIV) raffiguranti tutti gli avvenimenti più importanti della vita di Gesù e del Santo Benedetto;

 

Nella Chiesa inferiore: affreschi del Magister Conxolus (sec. XIII), scene della vita di San Benedetto, la Grotta Santa (dove è situata la statua di S.Benedetto del Raggi, discepolo del Bernini), il celebre affresco di S. Francesco d'Assisi senza aureola (realizzato quando il santo era ancora in vita), la cappella della Madonna, la Grotta dei Pastori, dove S.Benedetto teneva lezioni di dottrina cristiana e presso la quale è visibile ciò che resta di una Madonna col Bambino (sec. VII) di origine Bizantina, la più antica pittura del monastero.


Per maggiorni informazioni sul Sacro Speco e sui monasteri benedettini a Subiaco visita i siti

 

www.monasteri-benedettini.it

 

www.scolastica.librari.beniculturali.it